Tag Archives | Obbligo

Dal 1/01/2015 obbligo della certificazione personale ed aziendale per l’acquisto di fgas

Una recente nota del Ministero dell’Ambiente ha chiarito alcuni aspetti relativi alle modalità inerenti l’acquisto e la vendita degli f-gas così come regolamentato dal nuovo Regolamento CE 517/2014.

Per acquistare f-gas è stato ribadito che è necessario che chi materialmente acquista sia in possesso o del patentino del frigorista, in caso di persona fisica, o della certificazione aziendale, nel caso di acquisto di f-gas per nome e conto di una impresa. Chi acquista, persona o impresa, deve naturalmente avere il certificato valido e deve essere registrato nel Registro telematico f-gas (http://www.fgas.it/Ricerca) del Ministero dell’Ambiente.

Continua a leggere →

Leggi

Sistri 2015 – è già conto alla rovescia – Esteso il bacino di soggetti obbligati a tenere i registri

 Tra 90 giorni scattano il nuovo sistema  di tracciabilità e quello tradizionale rinnovato

 Scattano tra 90  giorni, ossia il 1° gennaio 2015, sia la piena operativita del nuovo sistema di  tracciamento telematico  dei  rifiuti (meglio noto come  «Sistri»), sia l’applicazione della riformulata disciplina sul  (residuale) regime di  tracciamento tradizionale costituito dagli storici registri di  carico/scarico e  formulario di  trasporto. Continua a leggere →

Leggi

Interpelli riguardanti la sicurezza sul lavoro del Ministero del Lavoro 27/03/2014

Pubblicate dal Ministero del Lavoro le risposte a nove interpelli riguardanti la sicurezza sul lavoro.

Continua a leggere →

Leggi

Circolare n.31 del 18 luglio 2013 del Ministero del Lavoro sulle verifiche periodiche

Modalità di effettuazione delle verifiche periodiche
Circolare n.31 del 18 luglio 2013 Continua a leggere →

Leggi

Infortuni sul lavoro e obblighi del datore (sentenza Cass. sez. lav. 09/05/2013, n. 10968)

Le norme dettate in tema di prevenzione degli infortuni sul lavoro, tese ad impedire l’insorgenza di situazioni pericolose, sono dirette a tutelare il lavoratore non solo dagli incidenti derivanti dalla sua disattenzione, ma anche da quelli ascrivibili ad imperizia, negligenza
 ed imprudenza dello stesso; ne consegue che il datore di lavoro è sempre responsabile dell’infortunio occorso al lavoratore, sia quando ometta di adottare le idonee misure protettive, sia quando non accerti e vigili che di queste misure venga fatto effettivamente uso da parte del dipendente, non potendo attribuirsi alcun effetto esimente, per l’imprenditore che abbia provocato un infortunio sul lavoro per violazione delle relative prescrizioni, all’eventuale concorso di colpa del lavoratore, atteso che la condotta del dipendente può comportare l’esonero totale della responsabilità del datore di lavoro solo quando essa presenti i caratteri dell’abnormità, inopinabilità ed esorbitanza rispetto al procedimento lavorativo ed alle direttive ricevute, come pure dell’atipicità ed eccezionalità, così da porsi come causa esclusiva dell’evento.

Continua a leggere →

Leggi