Frequently Asked Question (F.A.Q.)

Chi è il medico competente?
È un medico specializzato in medicina del lavoro a cui il datore di lavoro affida la “competenza” della sorveglianza sanitaria dei propri dipendenti.

Quali sono i casi previsti dalla legge per la nomina del medico competente?
Ad esempio, le attività lavorative che espongono ad un rumore superiore a 80 dBA, o nelle quali si usa un computer per più di 20 ore alla settimana, o si è esposti ad un rischio vibrazioni significativo, o si alzano pesi rischiosi secondo NIOSH o maggiori di 30 kg per gli uomini e 20 kg per le donne, o si è esposti a rischio chimico non moderato, o in tutti gli altri casi previsti dal D. Lgs. 81/08.

Cosa è la sorveglianza sanitaria?
È un controllo sanitario cui vengono sottoposti i lavoratori esposti a particolari tipi di rischi. Consiste in controlli organizzativi e ambientali del medico sul posto di lavoro, in visite mediche, audiometriche, ortopediche, oculistiche ed in analisi cliniche dei liquidi biologici (sangue, urina) eseguite sui lavoratori esposti.

Cos’è Il giudizio di idoneità alla mansione specifica ?
Sulla base dei risultati degli accertamenti medici previsti in corso di sorveglianza sanitaria, il medico competente esprime uno dei seguenti giudizi di idoneità alla mansione specifica (art. 41, comma 6):

  • Idoneità alla mansione specifica all’espletamento dell’attività lavorativa, senza la necessità di interventi correttivi su ambiente, organizzazione del lavoro e uomo.
  • Idoneità alla mansione specifica con prescrizioni: quando l’esposizione ad alcuni rischi può essere consentita, in alcuni lavoratori che hanno particolare suscettibilità verso quei rischi, solo con particolari precauzioni, ad es. mediante l’uso di dispositivi di protezione individuale specifici (DPI).
  • Idoneità parziale, temporanea o permanente
  • Idoneità alla mansione specifica con limitazioni: quando vengono esclusi alcuni compiti previsti nella mansione.
  • Inidoneità, temporanea o permanente determinata da condizioni patologiche che impediscono lo svolgimento della mansione lavorativa.

Del giudizio di idoneità, il medico competente informa per iscritto il datore di lavoro e il lavoratore.