Istituti di Vigilianza – Decreto 115/2014 obbligo di certificazione uni 10891 (servizi) uni 50518 (impianti) e uni 10459 (professionisti)

Secondo il nuovo decreto n.115/2014, gli istituti di vigilanza privati per poter operare devono obbligatoriamente ottenere il certificato di conformità dei propri servizi, impianti e professionisti secondo le norme UNI 10891UNI 50518 e UNI 10459, da parte di un organismo di certificazione accreditato da un Ente designato, quale ACCREDIA in Italia.

Il decreto ministeriale prevede un passaggio immediato per le nuove licenze e nuovi istituti e una transizione di 36 mesi per chi è già certificato.
Precedentemente, infatti, il Decreto n. 269/2010 del 15 marzo 2011, prevedeva l’obbligo, per tutti gli Istituti di Vigilanza e relativi servizi, di dotarsi della certificazione di qualità secondo la norma UNI 10891:2000 “Servizi – Istituti di vigilanza privata”, che  regolamentava la disciplina delle caratteristiche minime del progetto organizzativo e dei requisiti minimi di qualità degli istituti e dei servizi di vigilanza.
Lo stesso decreto n. 269/2010 richiedeva per le centrali operative e di telesorveglianza, l’adeguamento alle caratteristiche strutturali ed organizzative previste dalla norma italiana UNI 11068:2005 “Centrali di telesorveglianza – caratteristiche procedurali, strutturali e di controllo”.

Tale norma oggi è stata sostituita dalle seguenti normative Europee UNI CEI EN 50518:2014:

  • UNI CEI EN 50518-1:2014 “Centro di monitoraggio e di ricezione di allarme – Parte 1: Requisiti per il posizionamento e la costruzione”;
  • UNI CEI EN 50518-2:2014 “Centro di monitoraggio e di ricezione di allarme – Parte 2: Prescrizioni tecniche”;
  • UNI CEI EN 50518-3:2014 “Centro di monitoraggio e di ricezione di allarme – Parte 3: Procedure e requisiti per il funzionamento.

Per la certificazione dei professionisti della security, l’attuale norma di riferimento è la UNI 10459:1995 “Funzioni e profilo del professionista della security aziendale” che, insieme alla UNI 10891:2000, è in fase di revisione:

E.Qu.A.S. s.r.l. è a disposizione delle aziende che desiderano intraprendere la strada della certificazione in questi ambiti: si tratta di schemi facilmente integrabili con la ISO 9001:2008 che consentono quindi la possibilità di ottimizzare tempi e i costi mediante un unico audit.

, , , , , , , , , , , , , , , , ,