Giornata mondiale per la salute e sicurezza sul lavoro – 28 aprile 2013

L’Organizzazione internazionale del lavoro (OIL) celebra la Giornata mondiale per la sicurezza e la salute sul lavoro il prossimo 28 aprile dedicata, quest’anno, alla prevenzione delle malattie professionali.
Secondo le stime, ogni anno 2,34 milioni di persone perdono la vita a causa di incidenti e malattie professionali. Di queste, circa 2,02 milioni perde la vita a causa di malattie professionali di varia natura. Dei 6300 decessi che ogni giorno si verificano per ragioni di natura professionale, 5500 sono causati da svariate malattie professionali.
L’ILO stima inoltre che ogni anno siano 160 milioni i casi di malattie professionali non letali.

L’aumento di nuove forme di malattie professionali, evidenzia l’Organizzazione internazionale del lavoro nel suo rapporto, induce ad una più attenta riflessione sulla natura dei nuovi rischi che emergono nel mondo del lavoro a seguito dei cambiamenti tecnologici, sociali ed organizzativi determinati dal rapido diffondersi della globalizzazione.

In tale contesto, seppure il miglioramento dei livelli di sicurezza, il progresso tecnologico e adeguate normative abbiano contribuito alla diminuzione di alcuni rischi, continua ad essere inaccettabile l’impatto che le malattie professionali hanno sulla salute dei lavoratori.

In tale direzione è necessario promuovere misure che diano priorità assoluta ad azioni di miglioramento dei programmi nazionali di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro attraverso il riconoscimento, la prevenzione e la cura non soltanto degli infortuni ma anche delle malattie professionali.

Maggiori informazioni qui:

http://www.ilo.org/rome/attivita/eventi-e-riunioni/WCMS_211578/lang–it/index.htm

, , , , , , , , , , , , , , , , , ,